Il Cammino della Riconquista - trekking nelle Asturie

7 giorni di trekking nel Nord della Spagna - Asturie

775.00 €

Le Asturie, chiamate anche "Paradiso Naturale” per la bellezza dei Picos de Europa, ti fanno innamorare e ti lasciano "a bocca aperta". Il fascino di queste zone è il contrasto tra il verde delle valli e l'aspro territorio calcareo delle montagne. È un viaggio che attraversa il cuore dei Picos de Europa, passando per luoghi particolarmente significativi come Sotres, Poncebos e Vega de Comeya. Il Cammino della Riconquista attraversa questi territori ed è così chiamato perché segue il percorso storico utilizzato dalle truppe musulmane dopo la sconfitta a Covadonga.
Questo percorso ti stupirà per la sua storia e per la bellezza dei suoi paesaggi!

Lunghezza: 58,6 km Dislivello: 2873 m Difficoltà: Media


-Itinerario –

Giorno 1 : Arrivo a CANGAS DE ONÍS e visita della cittadina
Pernottamento in Hotel 3*** a Cangas de Onís
Giorno 2 : COVADONGA – LAGOS DE COVADONGA (Distanza: 10,5km  Dislivello positivo: 700m)
Pernottamento in Hotel 3*** a Cangas de Onís
Giorno 3: LAGO ERCINA – PONCEBOS (Distanza: 18,4km -Dislivello positivo: 1062m)
Pernottamento in Hotel 1* a Poncebos
Giorno 4: PONCEBOS – SOTRES (Distanza: 12,3km -Dislivello positivo: 1292m)
Pernottamento in Hotel 2** a Sotres
Giorno 5: SOTRES – PUERTOS DE ÁLIVA (Distanza: 8,2km  -Dislivello positivo: 761m)
Pernottamento in Hotel 2** a los Puertos de Áliva
Giorno 6: PUERTOS DE ÁLIVA – COSGAYA (Distanza: 18,2km -Dislivello positivo: 380m)
Pernottamento in Hotel 2** a Cosgaya:
Giorno 7 – Rientro  
 
Il Prezzo Include:
-6 notti con mezza pensione inclusa
-5 giorni de trekking con guida ufficiale di montagna (in lingua italiana)
-Transfer dall'aeroporto di Oviedo a Cangas de Onís
- Transfer finale ad Cosgaya a cangas de Onís o Aeroporto di Oviedo
-Trasporto bagagli tra gli hotel durante la Itinerario.
-Briefieng all'arrivo e alla partenza.
-Mappe, schede tecniche di ogni tappa e documenti dell'itinerario. 
-Assistenza telefonica 24 h durante tutto il viaggio.
-Assicurazione di viaggio ed attività
 
 
Il Prezzo NON include:
-Supplemento camera singola: 350€
-Trasferta dei partecipanti da e per altri aeroporti: consultare
-Picnic e/o servizio di approvvigionamento durante l'Itinerario al di fuori della mezza pensione (prima colazione e cena).

PREZZO PER PERSONA IN BASE A CAMERA DOPPIA - PARTENZA GARANTITA CON MINIMO 10 PAX

 


 


DAY - BY - DAY 

1º Giorno: Arrivo a CANGAS DE ONÍS e visita della città:
Cangas de Onís è una città regale e testimone della storia, circondata da montagne, sulla rive di un fiume, terra di pascolo e bestiame, città commerciale,  produttrice di buoni formaggi e della migliore cucina, porta aperta verso i Picos de Europa.
Fu la culla della riconquista e la prima città sede della corte della monarchia asturiana nella penisola iberica. Qui troviamo il mitico Ponte Romano con la sua Croce della Vittoria sospesa  che è uno dei monumenti più fotografati delle Asturie ed è il simbolo della vivace capitale di Cangas, dove non mancano il culto della gastronomia, interessanti negozi gastronomici e un mercato domenicale dove si possono acquistare i prodotti più gustosi dell'orto ed i migliori formaggi della zona di Picos de Europa.  
Nel pomeriggio briefing sul percorso.
Sistemazione in Hotel 3 *** a Cangas de Onís

2 ° giorno: COVADONGA - LAGOS DE COVADONGA (Distanza: 10,5 km Pista positiva: 700 m)
Lasciamo Covadonga e arriviamo al Lago Ercina. Ci spostiamo da Cangas de Onis a Covadonga (è possibile anche prendere un autobus). Partiamo dalla Basilica, attraversiamo la Santa Cueva e prendiamo il sentiero che attraversa la foresta che ci porta alla Vega de Orandi, dove vediamo il fiume Las Mestas che si incunea in una grande grotta e scompare tra la roccia calcarea. La Grotta delle Cascate è molto apprezzata nelle giornate con molta pioggia in quanto si vede l’acqua che, filtrando dalle pareti e il soffitto, cade sotto. Continuiamo seguendo il corso del fiume fino a Las Mestas, dove attraversiamo il ponte e iniziamo la salita verso Majadas Severín e Bobia, fino a Collado Sellón, da questo punto, se non c'è nebbia, abbiamo la possibilità di goderci una vista meravigliosa sui Picos del Cornión. Scendiamo alla Majada La Fana, seguiamo il sentiero fino a scendere alla bellissima Vega Comeya, sede di un’antica miniera. Risaliamo alla grotta della miniera e al Lago Ercina, dove termina la nostra tappa. Rientriamo poi a Cangas.
Sistemazione in Hotel 3 *** a Cangas de Onís

3 ° giorno: LAGO DI ERCINA - PONCEBOS (Distanza: 18,4 km - Pista positiva: 1062 m)
Questa seconda tappa parte da Los Lagos de Covadonga e raggiunge Poncecbos.
Visitiamo i Laghi di Covadonga. Dal parcheggio, vicino al Lago Enol, scendiamo attraverso le grotte delle miniere fino a Vega de Comeya e riprendiamo il Cammino della Riconquista. Arriviamo alla Majada de Belbín, dove troviamo un caseificio  che d'estate  produce il pregiato formaggio Gamoneu. Dopo aver attraversato la pianura, seguiamo il sentiero di campagna da cui si vede sulla sinistra l'ovile del Parres, qui si ricomincia a salire fino a raggiungere l'ovile di Arnaedo, oramai quasi in disuso. Dopo il Collado de Sierra Buena, scendiamo all'ovile di Vega Maor, ancora in uso, e poco dopo all'ovile di Ostón.
Seguiamo il Canal de Culiembro, fino a raggiungere la Ruta del Cares, dopo l'ultima salita arriviamo a Los Collaos, e dopo una lunga discesa arriviamo a Poncebos, meta della tappa.
Sistemazione in Hotel 1 * a Poncebos

4 ° giorno: PONCEBOS - SOTRES (Distanza: 12,3 km - Dislivello positivo: 1292 m)
La terza tappa inizia a Poncebos e termina a Sotres.
Si tratta di un percorso facile senza alcun tipo di problema in cui bisogna solo tener conto della ripida pendenza nel tratto tra Bulnes e il colle Pandébano. E’ un itinerario molto suggestivo in cui, partendo da Poncebos, costeggiamo il bellissimo Canal del Tejo lungo la vecchia strada per Bulnes, uno dei villaggi più simbolici di Picos.  Bulnes, una piccola città di pastori, è l'unica città asturiana dove la strada asfaltata non arriva, ma  ora è collegato, oltre che dai sentieri, da una funicolare. Da Bulnes il sentiero acciottolato inizia a salire verso Collado Pandébano, dove si  biforca: da un lato ci porta verso la base del Picu Urriellu, dove si trova il Rifugio Vega de Urriellu, e dall'altro ci porta alla pista fino alla Curvona e a Sotres, dove si conclude questa tappa.
Sistemazione in Hotel rurale 2 ** a Sotres
 
5 ° giorno: SOTRES - PUERTOS DE ÁLIVA (Distanza: 8,2 km - Pista positiva: 761 m)
La quarta tappa del percorso Riconquista inizia a Sotres e si conclude su ad Áliva. È un bel itinerario senza alcuna difficoltà, attraversa alcuni dei luoghi più belli della zona di Picos come i prati di Áliva. Partiamo da Sotres e ci dirigiamo verso Curvona, da qui inizia un sentiero che con un dislivello minimo ci porta verso il massiccio fino a raggiungere Las Vegas del Toro dove ci sono numerose capanne di bestiame.
Da questo punto saliamo a La Raya al confine tra le Asturie e Cantabria. Seguiamo ora il sentiero più comodo per la cosiddetta “Llomba del Toro”, un percorso sopraelevato che in ogni momento offre fantastici panorami su alcune delle vette più alte del Massiccio Centrale, come Peña Vieja (2619 m) o Peña Olvidada. Alla nostra sinistra possiamo iniziare a vedere i bellissimi prati di Áliva, una delle località più belle del Parco Nazionale, fino ad arrivare al noto e suggestivo Hotel Refugio Odriozola o de Áliva (1670 m), situato in un punto spettacolare sopra  un grande deposito di morena allineata al corso del fiume Duje e di fronte agli imponenti contrafforti della Peña Vieja. Nelle vicinanze potremo vedere lo Chalet Reale che ospitò Alfonso XIII durante le sue cacce al camoscio nel Parco Nazionale.
Sistemazione in Hotel 2 ** ad Áliva

6 ° giorno: PUERTOS DE ÁLIVA - COSGAYA (Distanza: 18,2 km - Pista positiva: 380 m)
La quinta e ultima tappa del percorso di riconquista lascia Áliva per raggiungere Cosgaya.
Partendo da Áliva lasciamo i meravigliosi prati circondati da alte montagne e scendiamo lungo ampi sentieri. Attraversiamo i pascoli invernali di Igüedri fino a raggiungere Espinama, qui prendiamo il sentiero che attraversa Pido e si addentra in un fantastico faggeto fino a raggiungere Cosgaya, dove troviamo la statua di Don Pelayo, qui termina la GR-Cammino della Riconquista. Cosgaya è una piccola città nel comune di Camaleño, che appartiene alla regione di Liébana, vicino alla cittadina di Potes. Si trova nella valle del fiume Deva, che durante il suo percorso attraversa una ricca pianura all'estremità occidentale della regione. Questa zona è caratterizzata dalla prevalenza del paesaggio montuoso, che mette in risalto la ricchezza ecologica dei suoi boschi e la suggestiva bellezza di tanti angoli nascosti. Inoltre Cosgaya si trova molto vicino ad alcune delle più interessanti e famose attrazioni turistiche della Cantabria: la funivia Fuente Dé, nei Picos de Europa; il monastero di Santo Toribio de Liébana; e il Parco Nazionale della Montagna di Covadonga.
Sistemazione in Hotel 2 ** a Cosgaya
 
Giorno 7 - Rientro
Dopo la colazione, nel rispetto dell’orario fissato, ci trasferiremo all'inizio del percorso / all'aeroporto di Oviedo (consultare altri aeroporti)

Desidero iscrivermi alla newsletter
Inviando questo modulo, accetto i Termini E Condizioni

Solicitud enviada correctamente

Su solicitud de reserva se ha enviado correctamente, recibirá un email con información sobre su viaje
Richiesta inviata in modo corretto
Errore all'inviare la richiesta, per favore riprovare
>